I 27 libri della biblioteca del dottor Faustroll

All’inizio del libro Gesta e opinioni del dottor Faustroll, patafisico di Alfred Jarry, l’ufficiale giudiziario Panmuphle è incaricato di sequestrare i beni del dottor Faustroll accusato di non aver pagare il suo affitto da un lungo tempo.

TimbroIn quest’occasione, scrive un processo verbale su “carta intestata” dove riporta gli oggetti che si trovano nell’appartamento; in particolare, fornisce l’elenco dei libri che compongono la biblioteca del dottore.

In questa biblioteca ideale, composta di ventisette libri, ci sono sia opere simboliste (Stéphane Mallarmé, Arthur Rimbaud, Paul Verlaine, Edgard Allan Poe tradotto da Charles Baudelaire), sia testi di colleghi scrittori e amici di Jarry (Rachilde con lo pseudonimo di Jean de Chilra, Gustave Kahn, Léon Bloy), sia letture a carattere più infantile (Marceline Desbordes-Valmore, Le mille e una notte, il teatro di Florian) sia testi fuori dal tempo (Rabelais, il Vangelo di Luca, Cyrano de Bergerac, Les Chants de Maldoror).

La biblioteca del dottor Faustroll

La biblioteca del dottor Faustroll, Expojarrysition (1953)

Così suddivise, queste potrebbero essere le quattro semplici e principali classificazioni della biblioteca. Non è tuttavia solo per stendere una lista di libri amati che Jarry fa iniziare in questo modo il suo Faustroll: così facendo, mette in atto le condizioni affinché il suo testo si situi in una posizione completamente letteraria.

In questo modo la biblioteca del dottor Faustroll fissa i riferimenti che il lettore può ritrovare più avanti nel testo e circoscrive lo spazio letterario nel quale funziona tutto il libro.

È quindi un elenco di libri che discerne il contesto letterario,  funziona come un ritratto spirituale di Jarry e svela i luoghi nei quali i discorsi devono essere ricevuti: una biblioteca che rivela le scelte, le origini, le influenze e in qualche modo le fondamenta del libro che Jarry sta per farci leggere. Questo libro, il 28esimo della biblioteca, pone il lettore (che lo ha tra le mani) al centro della narrazione.

Sicuramente ogni studioso e patafisico serio porrà le proprie domande sui criteri che accomunano i libri, rifletterà sulle categorie letterarie enunciate e ovviamente leggerà tutti i ventisette libri per intero!

Tania Lorandi

 




 

Addentrati in una rivista patafisica di ‘Patafisica contemporanea che affronta questo argomento.

– CLICCA sulla copertina per saperne di più

Taggato con: , , ,

Rispondi