Bibi-la-Bibiste

Tra le peculiarità apprezzate dal movimento Dada c’era la brevità. Squisitamente breve è infatti Bibi-la-Bibiste di Raymonde Linossier, romanzo di appena cinque pagine, irreale e giocoso, uscito a Parigi nel 1918. Cinque pagine che narrano la vita amorosa di una sognante ragazza, racconto fulmineo che – oltre a svelare un fondo dadaista – è segnale di una stagione magica della cultura europea: la Parigi dei primi decenni del Novecento in cui lettori e intellettuali si ritrovavano nelle librerie e nei bistrò a prefigurare nuove idee. Inedito in Italia, Bibi-la-Bibiste è accompagnato da un lungo saggio che ne ripercorre le vicende e da un’appendice di documenti d’epoca (con numerose fotografie). La copertina reca il disegno originale di Tania Lorandi: Violette n’era (per Bibi).

 

RAYMONDE LINOSSIER
Bibi-la-Bibiste
Breve romanzo dadaista – a cura di Antonio Castronuovo
Stampa Alternativa
febbraio 2015
pagine: 112

Rispondi